Spotify

Spotify è senza dubbio il servizio di musica in streaming più popolare. Tutta quella popolarità fa sembrare una parola apparentemente inventata come "Spotify" un marchio abbastanza generico. La vera storia dietro quel nome è stata nascosta per un po'.

Una breve storia di Spotify

Spotify è stata fondata nel 2006 da Daniel Ek e Martin Lorentzon a Stoccolma, in Svezia. A quel tempo, i servizi di condivisione di file come Napster e LimeWire erano metodi ben noti per scaricare musica gratuitamente.

Daniel ha detto a The Telegraph nel 2010: "L'unico modo per risolvere il problema era creare un servizio migliore della pirateria e allo stesso tempo compensare l'industria musicale". Questo era l'obiettivo di Spotify.

Spotify ha aperto le registrazioni nel 2008, a partire dal Regno Unito. Offriva un livello gratuito supportato da pubblicità e un abbonamento senza pubblicità di £ 10 al mese . Spotify è stata inizialmente un'app desktop, ma l'azienda ha lanciato un'app mobile nel 2009.

Dopo alcuni anni di crescente successo in Europa, Spotify ha stretto importanti accordi discografici per poter essere lanciato negli Stati Uniti nel 2011. Nel 2015 Spotify aveva 18 milioni di abbonati paganti. A partire da luglio 2022 , quel numero è fino a 182 milioni.

Spotify non è stato privo di drammi. È stato costantemente criticato per come paga gli artisti. Alcuni artisti famosi, tra cui Taylor Swift, hanno tenuto la loro musica fuori dalla piattaforma, anche se alla fine si è unita.

CORRELATI: Spotify Free vs. Premium: vale la pena aggiornare?

Che dire di quel nome?

Logo Spotify originale.
Logo Spotify originale. Spotify

Per un po', la storia di come è stato creato il nome Spotify è stata una bugia. Nella sua intervista con The Telegraph , lo stesso Daniel Ek ha spiegato che "erano un po' imbarazzati nell'ammettere" come hanno inventato il nome, quindi hanno detto che era una congiunzione di "spot" e "identificare".

Secondo Daniel, quello che in realtà è successo è che lui e Martin Lorentzon stavano facendo un brainstorming sui nomi insieme. Mentre urlavano nomi attraverso le stanze, Martin disse un nome che Daniel aveva sentito male come "Spotify".

Daniel ha fatto una ricerca su Google per il nome e non ha trovato altri risultati, il che significa che potevano possederlo totalmente e non competere con nessun altro. Hanno registrato i nomi di dominio pochi minuti dopo. Il resto è storia.

Alla fine, il nome Spotify è come molti nomi di start-up. Era completamente inventato e scelto perché suonava bene e nessun altro lo stava usando. Non c'è davvero un "significato" dietro, a differenza di altri nomi di società .

CORRELATO: Perché si chiama Roku?